Perche’ mi Schiero – On the Fence? Not Anymore

So da che parte stare nella guerra alle nostre aziende industriali ed agricole – fatta con la “scusa” della pandemia Covid-19 e della cosiddetta sostenibilita’.

Questo e' il mio mondo: il mondo produttivo delle aziende, dell'agricoltura innovativa e della filiera industriale, della libera impresa
Questo e’ il mio mondo: il mondo produttivo delle aziende, dell’agricoltura innovativa e della filiera industriale, della libera impresa

 

PERCHE’ MI SCHIERO?

Complimenti, signori! Siete risusciti a fare schierare anche me

E chiaramente, io mi schiero dalla parte delle aziende. Non solo e’ il mio mondo, e’ anche il mondo che da’ da mangiare a innumerevoli persone.

Ho deciso di stare dalla parte degli:

  1. Imprenditori, costretti a suicidarsi dalla disperazione – e dal disinteresse
  2. Agricoltori, che vedono la loro stessa esistenza minacciata dallo European Green Deal.

Schierandomi dalla parte delle aziende, mi schiero anche dalla parte dell’umanita’.

E' facile immaginare cosa accadra' alle nostre industrie quando, dopo la pandemia Covid-19, arrivera' anche l'ondata sostenibilita'
E’ facile immaginare cosa accadra’ alle nostre industrie quando, dopo la pandemia Covid-19, arrivera’ anche l’ondata sostenibilita’

L’alternativa sarebbe schierarsi con:

  1. Quelli che vedono l’orribile pandemia Covid-19 come un’occasione. E ci credo, visto che anche prima dell’epidemia volevano “annientare” il tessuto produttivo, rivoluzionare il paradigma economico e stravolgere totalmente il nostro modo di vivere e la societa’
  2. Le orde eco-radicali che vogliono un mondo non uomo-centrico, ma natura-centrico. Spesso non mettono l’uomo nemmeno sullo stesso piano della natura, ma al di sotto
  3. La mitica sostenibilita’ ed organizzazioni che pretendono di decidere come deve andare il mondo, che magari parlano apertamente di nuovo ordine mondiale.
Giunge il momento in cui bisogna battersi per cio' che conta. Io credo che le nostre aziende abbiano il diritto di riprendersi dalla batosta della crisi Covid-19, e di non essere "finite" dalle armate della cosiddetta sostenibilita'
Giunge il momento in cui bisogna battersi per cio’ che conta. Io credo che le nostre aziende abbiano il diritto di riprendersi dalla batosta della crisi Covid-19, e di non essere “finite” dalle armate della cosiddetta sostenibilita’

Restare sulla recinzione? Non fa per me, non stavolta

Conosco bene la storia, e so fin troppo bene cosa accade quando pochi si arrogano il diritto di cambiare il mondo.

E sempre la storia ci insegna che quando accadono fatti “estremi” nessuno deve tirarsi indietro. Farlo equivale ad infinite sofferenze per moltitudini di persone.

I nostri imprenditori hanno bisogno di iniziative come Industria 4.0. Certamente non hanno bisogno di agende, dogmi ideologici, nuovi ordini mondiali e futuri pauperisti di stampo medievale
I nostri imprenditori hanno bisogno di iniziative come Industria 4.0. Certamente non hanno bisogno di agende, dogmi ideologici, nuovi ordini mondiali e futuri pauperisti di stampo medievale

Quei bei tomi, che:

  1. Hanno beneficiato dello sviluppo, e sono dove sono grazie a tale sviluppo e ad uno stipendio che arriva dal mondo produttivo
  2. Mi chiedo se abbiano mai preso in mano un badile od un attrezzo in tutta la loro vita.

Ebbene, ora costoro:

  1. Urlano Al lupo!
  2. Si presentano come salvatori del mondo
  3. Pretendono di imporre la distruzione del tessuto produttivo – nonche’ un mondo anti-umanistico basato sull’ideologia, su dogmi e sull’ecologismo radicale
  4. Hanno una voglia smisurata di imporre la loro idea di come deve essere il mondo.

E la loro portavoce chi e’?

Una ragazzina che:

  1. “Marina” la scuola e da’ in “escandescenze”
  2. Sparge giudizi ed attacca chiunque non la pensi come lei
  3. Fa apparire chi ragiona diversamente come una specie di “mega-criminale” che le ruba futuro e sogni.

Precisiamo: tutto cio’ non ha niente a che fare con i problemi di tale ragazzina, ma ha molto a che fare con le conseguenze per tutti noi.

Il mondo produttivo italiano presenta alcune vulnerabilita' - ad esempio il numero estremamente ridotto di studenti presso gli ITS. Purtroppo, l'ondata della sostenibilita' sta inconsapevolmente allontanando i ragazzi dal mondo dell'industria - molti preferiscono il turismo, meglio se eco-sostenibile. Slide dal convegno 'La sfida di Societa' 5.0'
Slide dal convegno ‘La sfida di Societa’ 5.0‘. Il mondo produttivo italiano presenta alcune vulnerabilita’ – ad esempio il numero estremamente ridotto di studenti presso gli ITS. Purtroppo, l’ondata della sostenibilita’ sta inconsapevolmente allontanando i ragazzi dal mondo dell’industria – molti preferiscono il turismo, meglio se eco-sostenibile

 

“L’ANNIENTAMENTO” DEL SISTEMA PRODUTTIVO

Sostenibilita’: i fatti

Non ho dubbi sul significato dell’Agenda 2030 dell’ONU e dello European Green Deal. Al di la’ di altre considerazioni, gia’ prima equivalevano alla “cancellazione” delle aziende tradizionali entro il 2030.

Ora, grazie al Coronavirus ed alle politiche “bizzarre” di organismi internazionali e governi, la distruzione e’ gia’ in atto.

Al di la’ che mi piange il cuore vedere questa distruzione tra le aziende che seguo e con cui collaboro lealmente da tanti anni, la distruzione del tessuto produttivo significa la fine del nostro modo di vita.

Oltretutto, dove certe politiche sono gia’ state applicate – ad esempio negli USA – questi sono stati i risultati:

  1. Distruzione del tessuto produttivo locale
  2. Disoccupazione rampante
  3. Degrado
  4. Fuga di chi era in grado di farlo.

E tutto cio’, in nome di dogmi come il cambiamento climatico attribuito all’uomo, la biodiversita’, la cosiddetta sostenibilita’.

L'aspetto piu' tragico sta' nell'evidente impossibilita' di un mondo sostenibile - come inteso dagli eco-radicali, dall'ONU, dall'Unione Europea e da miriadi di ONG, fondazioni, ecc. L'Agenda 2030 e lo European Green Deal porteranno solo "dolore". Tuttavia, la volonta' di arrivare a quello che altro non e' che un nuovo ordine mondiale e' fortissima
L’aspetto piu’ tragico sta’ nell’evidente impossibilita’ di un mondo sostenibile – come inteso dagli eco-radicali, dall’ONU, dall’Unione Europea e da miriadi di ONG, fondazioni, ecc. L’Agenda 2030 e lo European Green Deal porteranno solo “dolore”. Tuttavia, la volonta’ di arrivare a quello che altro non e’ che un nuovo ordine mondiale e’ fortissima

C’e’ una bella espressione in inglese: On the fence – sulla recinzione

Se stai sulla recinzione, non ti stai battendo con una delle due parti. Che e’ poi quello che tutti facciamo normalmente, perche’ non c’e’ motivo di schierarci apertamente con qualcuno, di batterci per qualcosa.

Ebbene, lorsignori della cosiddetta sostenibilita’ sono riusciti a convincermi – alla grande – che non e’ possibile stare on the fence.

Se lo facessi, veramente non potrei piu’ guardarmi allo specchio.

Voglio correre libero con gli imprenditori e combattere con loro per un mondo produttivo a misura d'uomo – dove la persona sia al centro e non un orpello
Voglio correre libero con gli imprenditori e combattere con loro per un mondo produttivo a misura d’uomo – dove la persona sia al centro e non un orpello

 

SO DA CHE PARTE STARE

Rifiuto nel modo piu’ totale “l’annientamento” del tessuto produttivo con la “scusa” della pandemia Covid-19 e della cosiddetta sostenibilita’ e del dogma del cambiamento climatico attribuito all’uomo.

In tutte le discussioni che ho avuto, nessuno e’ stato in grado di replicare alle mie osservazioni su questa materia.

Ora traetene le conclusioni che volete.

Da parte mia, so da che parte stare.

Chi ha voluto la “guerra” alle nostre aziende industriali ed agricole, pensando che sarebbe stata una passeggiata, ora si prepari a combatterla.

La fenice accorre nei momenti di grave pericolo
La fenice accorre nei momenti di grave pericolo

 

VUOI COMBATTERE ANCHE TU PER LE NOSTRE AZIENDE?

Quando parlo di “combattere”, intendo darsi da fare sul serio.

Se hai deciso da che parte stare – e magari sei pure un imprenditore – questo e’ il progetto pratico che fa per te: Progetto Fenice.

Non siamo stati noi a cominciare questa “guerra d’annientamento”.

Tuttavia, ci batteremo per la nostra fonte di reddito ed il nostro modo di vita, contro un nuovo ordine mondiale pauperista e para-medioevale.

Puoi raggiungerci tramite la pagina di contatto.

Scrivi quando vuoi per avere piu' informazioni
Scrivi quando vuoi per avere piu’ informazioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.